Giovedì 7 marzo 2019 ore 12:30

Alessandro Longobardi è lieto di invitarvi alla Conferenza Stampa IL TEATRO di Josep Maria Miró autore di IL PRINCIPIO DI ARCHIMEDE e NERIUM PARK

Presenzierà l’autore che presenterà il suo libro “Teatro” edito da Cue Press, il traduttore e regista Angelo Savelli e gli attori de Il principio di Archimede.

Interverranno giornalisti e professori di Lingua Spagnola dell’Università di Roma La Sapienza e Isabel Turull modererà la conferenza.

Josep Maria Miró firmerà le copie del volume.

INGRESSO LIBERO

 

Josep Maria Miró è nato a Vic, in Catalogna, nel 1977.Si è diplomato in regia e drammaturgia all’Istituto del Teatro di Barcellona e in giornalismo all’Università Autonoma di Barcellona. Dal 2007 inizia la sua attività di drammaturgo. Le sue opere ottengono subito un largo consenso e vengono tradotte in varie lingue: inglese, tedesco, russo, francese, castigliano, gallego, basco, croato, greco, rumeno, bulgaro, portoghese, turco, polacco e italiano. Ha ricevuto più di una decina di premi nazionali tra cui il prestigioso Premio Born de teatre – in due occasioni, nel 2009 nel 2011 – ed è stato finalista al premio internazionale Stückmarkt 2009 promosso dal Berliner Festspiele tra autori di tutta l’Europa. È stato regista dei suoi testi ma ha anche diretto opere altrui come “El carrer Franklin” di Lluïsa Cunillé o “La voix humaine” di Cocteau/Poulenc. È stato giornalista radiofonico ed è professore di drammaturgia all’Università di Girona e docente di arti sceniche alla Scuola Superiore di Cinema e Audiovisivi di Catalogna. Nella stagione 2010/11 è stato autore residente presso il CNT – Teatro Nazionale di Catalogna, dove dal 2013 è membro del Comitato di lettura. “Il principio di Archimede” è stato scritto e rappresentato (con la regia dell’autore) nel 2012.

 

Angelo Savelli, nato nel 1951, si è laureato in Filosofia a Firenze, studiando con Eugenio Garin e Ludovico Zorzi. Dopo un apprendistato con Carlo Cecchi, Egisto Marcucci e Peter Schumann, nel 1976 fonda la compagnia Pupi e Fresedde che dal 1986 ha la sua sede stabile al Teatro di Rifredi. Regista appassionato di pastiches teatrali, abile riduttore di testi letterari, studioso del teatro popolare italiano, amante del teatro musicale dall’avanspettacolo al melodramma (numerose le sue regie liriche e rimarchevole la sua pluriennale collaborazione con il compositore, premio Oscar, Nicola Piovani) ha realizzato più di 120 spettacoli, molti dei quali hanno ottenuto un grande successo di pubblico e di critica sia in Italia che all’estero. Tra questi occorre almeno citare: “La terra del rimorso”, “Don Giovanni e il suo servo Pulcinella”, “Gian Burrasca”, “L’amore delle tre melarance” di Vincenzo Cerami, “Carmela e Paolino” di José Sanchis Sinisterra con Gennaro Cannavacciuolo e Edy Angelillo, “Gallina vecchia” con Marisa Fabbri e Carlo Monni, “L’intrusa” di Eric-Emmanuel Schmitt con Lucia Poli, “La bastarda di Istanbul” dall’omonimo best seller di Elif Shafak, con Serra Yilmaz e “L’ultimo harem”, il suo spettacolo cult ininterrottamente in cartellone per tredici anni.

 

Isabel Turull Docente di lingua catalana presso la Sapienza. Laureata in Filologia Clàssica alla UB Universitat de Barcelona, lettore di madre lingua catalana alla Sapienza dall’a.a. 1986-87. Ha studiato diversi autori catalani (Espriu, Riba) e si è dottorata per la UAB Universitat Autònoma de Barcelona con una tesi dal titolo “Teoria i praxi de la llengua literària en Carles Riba“.
Tra le sue pubblicazioni un dizionario di falsi amici: Diccionari de falsos amics italià-català (Enciclopèdia Catalana 2001); diverse traduzioni di romanzi dal francese, dall’inglese e dall’italiano in catalano (R. Graves, P. Modiano, R. Ghazy) e diversi articoli di letteratura o di sintassi comparativa, tra cui: “L’ús de l’article en italià i en català. Estudi comparatiu”, in Llengua i literatura, n. 19, Barcellona, 2008.